IL TATUATORE DI AUSCHWITZ: il trailer

IL TATUATORE DI AUSCHWITZ: il trailer

Ecco il trailer de Il Tatuatore di Auschwitz, la nuova serie Sky Original tratta dal best seller di Heather Morris che ha venduto oltre 12 milioni di copie in tutto il mondo. Nel cast Jonah Hauer-King (Lali Sokolov, un ebreo slovacco deportato ad Auschwitz nel 1942 dove diventa tatuatore dei compagni di prigionia), Anna Pròchniak (Gita Furman, una ragazza appena arrivata nel campo di cui Lali si innamora), Jonas Nay (Stefan Baretzki, un instabile ufficiale nazista delle SS), Melanie Lynskey (Heather Morris, autrice del romanzo) e Harvey Keitel (Lali ormai ottantenne che racconta la sua storia alla Morris).

Alla regia dei sei episodi ci sarà Tali Shalom-Ezer; la sceneggiatrice Jacquelin Perske è anche produttrice esecutiva, che si avvale della consulenza dell’autrice del libro; gli altri autori della sceneggiatura sono Evan Placey (anche produttore esecutivo) e Gabbie Asher. La colonna sonora è stata creata da Hans Zimmer e Kara Talve. Lo show è prodotto da Synchronicity Films in associazione con Sky Studios e All3Media International, è supervisionato da Serena Thompson, exectuive producer di Sky Studios per Zai Bennett, managing director of content di Sky Studios, Claire Mundell è produttrice esecuvita per Synchronicity Films. I distributori internazionali sono NBCUniversal Global Distribution e All3Media International; STAN detiene i diritti per l’Australia, con SkyShowtime che sarà licenziataria dei diritti negli altri paesi. La serie sarà disponibile su Sky e in streaming su NOW nel 2024 in tutti i territori Sky in Europa, e sarà su Peacock negli Stati Uniti.

Ecco la descrizione ufficiale da Amazon: “Non esiste luogo in cui l’amore non possa vincere. Il cielo di un grigio sconosciuto incombe sulla fila di donne. Da quel momento non saranno più donne, saranno solo una sequenza inanimata di numeri tatuati sul braccio. Ad Auschwitz, è Lale a essere incaricato di quell’orrendo compito: proprio lui, un ebreo come loro. Giorno dopo giorno Lale lavora a testa bassa per non vedere un dolore così simile al suo finché una volta alza lo sguardo, per un solo istante: è allora che incrocia due occhi che in quel mondo senza colori nascondono un intero arcobaleno. Il suo nome è Gita. Un nome che Lale non potrà più dimenticare. Perché Gita diventa la sua luce in quel buio infinito: racconta poco di lei, come se non essendoci un futuro non avesse senso nemmeno un passato, ma sono le emozioni a parlare per loro. Sono i piccoli momenti rubati a quella assurda quotidianità ad avvicinarli. Dove sono rinchiusi non c’è posto per l’amore. Dove si combatte per un pezzo di pane e per salvare la propria vita, l’amore è un sogno ormai dimenticato. Ma non per Lale e Gita, che sono pronti a tutto per nascondere e proteggere quello che hanno. E quando il destino tenta di separarli, le parole che hanno solo potuto sussurrare restano strozzate in gola. Parole che sognano un domani insieme che a loro sembra precluso. Dovranno lottare per poterle pronunciare di nuovo. Dovranno conservare la speranza per urlarle finalmente in un abbraccio. Senza più morte e dolore intorno. Solo due giovani e la loro voglia di stare insieme. Solo due giovani più forti della malvagità del mondo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao!

Questo sito web, come tutti gli altri, utilizza cookie. Se vuoi vedere quali sono i cookie che utilizza puoi leggere la pagina policy privacy. Se vuoi disabilitare i cookie, lo puoi fare direttamente dal browser che utilizzi per navigare seguendo le istruzioni che trovi qui