LA DEA CIECA di Anne Holt

LA DEA CIECA di Anne Holt

HANNE WILHELMSEN

Due omicidi (apparentemente scollegati, tanto per cambiare) scuotono Oslo dai vertici ai bassifondi. Il primo delitto è quello di un piccolo spacciatore. Il secondo riguarda un avvocato di dubbia moralità. Ed è un avvocato civilista (di diritto commerciale per l’esattezza), Karen Borg, a trovare casualmente il primo cadavere e poi a essere scelta per la difesa di un ragazzo olandese fermato in stato confusionale e ricoperto di sangue: su di lui ricadono i sospetti del primo omicidio.

Il caso è affidato all’ispettrice Hanne Wilhelmsen. Apprezzata da tutti i colleghi, li schiva quanto basta per evitare domande sulla sua relazione omosessuale con Cecile: vive il suo amore clandestinamente per evitare ripercussioni sulla carriera. Nel tempo libero Hanne ripara e lucida la sua Harley Davidson del 1975 color rosa cadillac, un modo come un altro per distrarsi mentre la sua mente si concentra sulle indagini unendo i pezzi scomposti del puzzle.

La dea cieca_Libri Senza Gloria
La dea cieca_Libri Senza Gloria

ANNE HOLT

Non è la prima volta da queste parti parliamo della più famosa autrice norvegese di gialliAnne Holt, ex avvocato, ex ministro, oggi scrittrice e persino giornalista di calcio: abbiamo recensito uno dei suoi romanzi di maggior successo (Quello che ti meriti, prima indagine della coppia Vik e Stubo – leggi QUI la recensione) e un’altra avventura dell’ispettrice Wilhelmsen (L’unico figlio, terzo volume su dieci della serie – leggi QUI la recensione). L’esordio della Wilhelmsen in La dea cieca (1993) è anche l’esordio della sua autrice e uno dei suoi romanzi più celebri. La prima edizione italiana è però sbarcata da noi, grazie a Einaudi, solo nel 2010, molto dopo il successo riscosso dalla coppia Vik/Stubo sebbene i libri siano cronologicamente successivi.

Le morti aumentano a ritmo vertiginoso, anche se più si va avanti più l’intreccio può suonare come interminabile. Hanne richiede abbastanza presto la “consulenza” di Billy T., il trasandato e dongiovanni agente della Narcotici che una parte sempre più importante avrà nella sua vita e nei futuri casi. Il finale, a tratti prevedibile, porta però alla luce un aspetto non sufficientemente dibattuto, quello della mafia norvegese legata in primis al traffico di droga e della connivenza con parti deviate del governo. Difatti La dea cieca, alternando i punti di vista sia dei difensori della legge sia dei colpevoli senza nome (l’approfondimento psicologico è uno dei punti di forza di questo noir), svela un intreccio fra droga, avvocati (Karen Borg, notiamo, a volte ruba la scena ad Hanne) e i servizi segreti (corrotti).

Anne Holt

CONCLUSIONI

La conoscenza della Holt delle dinamiche poliziesche è fresca e sorprendente: si vede che pesca da situazioni vissute (come quando parla di una sirena da collaudare sulla volante che fa sussultare gli agenti in ufficio) o da constatazioni fatte sul campo (le pessime condizioni delle celle, la facilità di accesso in distretto, gli scarsi mezzi della polizia), e ci fa respirare quelle atmosfere tipiche di serie “realistiche” come The Shield o The Wire ma calate nel freddo scandinavo. Pur se questi sono gli anni del fax, quando internet nemmeno veniva menzionato.

Tecnicismi legali a parte, il senso dell’opera ci arriva grazie al poliziotto Hakon Sand, anti-eroe di altri tempi che collabora spalla a spalla con Hanne. In una scena significativa Hakon, mentre fa visita al capo della polizia, posa gli occhi su una statua rappresentante la dea della Giustizia bendata: se da una parte è sinonimo di giudizio super partes, dall’altro quello stesso giudizio preoccupa perché la dea non vede.

Finito di leggere: martedì 15 febbraio 2022.

Nel salutarvi, vi invito a leggere La dea cieca di Anne Holt, e a tornare su questa pagina per dirmi cosa ne pensate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ciao!

Questo sito web, come tutti gli altri, utilizza cookie. Se vuoi vedere quali sono i cookie che utilizza puoi leggere la pagina policy privacy. Se vuoi disabilitare i cookie, lo puoi fare direttamente dal browser che utilizzi per navigare seguendo le istruzioni che trovi qui