I COLORI DI UNA VITA di Nafissatou Diallo

I COLORI DI UNA VITA di Nafissatou Diallo

FIGLIA DI DAKAR

Figlia di Dakar” è il sottotitolo di questo romanzo biografico che, annuncia la copertina, ha venduto oltre 1 milione di copie nel mondo. I colori di una vita porta la firma di Nafissatou Diallo (1941-1982), laureata giovanissima in ostetricia, specializzatasi in Francia, e morta pure giovanissima. Poco altro su di lei è reperibile online.
Omonima della cameriera d’hotel che aveva accusato di violenza sessuale Strauss-Kahn, l’ex direttore del FMI, la scrittrice (Safi, come i personaggi si rivolgono a lei all’interno del libro) da sempre si è impegnata nelle battaglie per la giustizia sociale e per la dignità delle donne. In tutto ha scritto quattro romanzi: il presente, insieme a Le fort maudit, ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti.

I colori di una vita_Libri Senza Gloria
I colori di una vita_Libri Senza Gloria

C’ERA UNA VOLTA IN SENEGAL

Il libro della Diallo è un viaggio indietro nel tempo alla riscoperta delle feste, della moda, delle tradizioni (spesso pericolose, come quella della circoncisione), dei miti e dei riti del Senegal. Lo fa con l’occhio critico ma comprensivo di chi da grande diventerà levatrice.
Piccola e indisciplinata (artefice addirittura di spietati scherzi ai lebbrosi), Safi non è per niente timida, fa spesso incollerire il padre ma è sempre appoggiata da Maman, la gigantesca nonna, che forse ha ispirato in lei il desiderio di diventare puericultrice. Nata in una famiglia di Dakar meno povera delle altre, Safi è cresciuta in un mondo che vede nella lontana Francia europea la sua “alma mater” e dove vige un irreprensibile sistema patriarcale (si regge sul sistema delle co-épouse, le due spose di uno stesso uomo).
La narratrice rievoca i suoi piccoli furti, l’anno perso alla scuola coranica, la prima volta al cinema, il pellegrinaggio alla Mecca del padre Samba, il funerale del nonno (il primo lutto in famiglia), il matrimonio della cugina… Colpiscono le scene della scuola, dove Safi vive presso la Medina i problemi di tutte le ragazzine nelle scuole di tutto il mondo: i primi fidanzamenti, la rivalità con le compagne di classe, le rotture, la perdita di un’amica, le punizioni degli insegnanti, ecc. Più di tutto risalta la trasformazione da ragazza a donna, con la consapevolezza di dover crescere e dire addio ai propri cari.

La Mecca
La Mecca

CONCLUSIONI

Pubblicato da Cose d’Africa Edizioni e distribuito dalla Savana Culture fondata da Pap Kan (il “cantastorie” senegalese trapiantato in Europa, in Abruzzo per l’esattezza) che ha curato la traduzione (di Paola Di Blasio), scritto la prefazione e realizzato la foto di copertina.
I colori di una vita è un libro semplice e lucido. Unico purtroppo tradotto da noi di quest’autrice, Nafissatou Diallo, una donna che ha avuto anzitutto il coraggio di essere se stessa in un mondo che difficilmente lo consente

La Medina
La Medina

Nel salutarvi, vi invito a leggere I colori di una vita. Figlia di Dakar di Nafissatou Diallo, e a tornare su questa pagina per dirmi cosa ne pensate.

Finito di leggere: giovedì 19 marzo 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao!

Questo sito web, come tutti gli altri, utilizza cookie. Se vuoi vedere quali sono i cookie che utilizza puoi leggere la pagina policy privacy. Se vuoi disabilitare i cookie, lo puoi fare direttamente dal browser che utilizzi per navigare seguendo le istruzioni che trovi qui